Madre Jones

Chi era Mother Jones? Questa insegnante e sarta americana ha vissuto alla giornata, ha perso il marito e la famiglia a causa di una malattia ed è emersa con feroce determinazione a combattere il lavoro minorile e le condizioni di lavoro non sicure. Alla fine della sua vita, fu elogiata come senza dubbio la più grande donna che l'America avesse mai prodotto. Ecco una breve storia di una donna che era più grande della vita.



Mary Harris

Quando Mary Harris nacque il 1 maggio 1830, in un cottage di una stanza con il tetto di paglia nella contea di Cork, in Irlanda, i poveri proprietari terrieri (affittuari dei cottage) venivano sfrattati dai ricchi proprietari terrieri assenti, che avevano deciso che era più redditizio allevare pecore e mucche che per riscuotere affitti da contadini irascibili. Il sangue scorreva sulle dolci colline verdi della contea di Cork. Centinaia di barili furono impiccati, incluso il nonno di Mary!

Suo padre, Richard, sfuggì al cappio fuggendo in Nord America su un peschereccio, giurando di mandare a chiamare la sua famiglia non appena avesse guadagnato i soldi. Sebbene ci siano voluti 11 anni, è stato fedele alla sua parola. Richard ha trovato lavoro in Canada su una ferrovia di Toronto, e lì la famiglia ha trovato una scheggia di paradiso. La cosa migliore è che Toronto aveva un sistema scolastico pubblico gratuito, inclusa una scuola normale per la formazione degli insegnanti. Ma quando ha fatto domanda per un certificato di insegnamento, è stata respinta. Ai cattolici romani non era permesso insegnare nelle scuole pubbliche.

Seguirono anni alla mano. Sapendo che il sistema scolastico di Memphis, nel Tennessee, aveva bisogno di insegnanti, Mary prese il primo treno verso sud. Arrivò nel luglio 1860, fu assunta in agosto, si innamorò a settembre, si sposò in ottobre e fu licenziata a novembre.

Ma era felice nel suo matrimonio con un modellatore di ferro di nome George Jones, che, nelle sue domeniche libere, era un organizzatore per i fuorilegge Knights of Labor. Dopo la nascita del loro quarto figlio, Mary iniziò ad accompagnarlo nei suoi viaggi segreti di organizzazione, con i quattro bambini che lo seguivano.

Era tutto troppo bello per durare, e così non è stato. Nell'estate del 1867, un'epidemia di febbre gialla colpì Memphis. In una terribile settimana, Mary ha perso suo marito e quattro figli. Mi sono seduto da solo attraverso notti di dolore, ha scritto nella sua autobiografia. Nessuno è venuto. Nessuno potrebbe. Altre case sono state colpite, proprio come la mia.

I lavoratori non avevano diritti

Mary Jones emerse dall'esperienza per sempre sprezzante della morte e bruciante con una feroce determinazione a trascorrere il resto della sua vita lavorando per la classe sfruttata. Questa è stata una sfida formidabile. I lavoratori non avevano diritti e i proprietari dettavano i salari, le ore di lavoro e le condizioni di lavoro.

Il lavoro minorile era un pilastro dell'industria. Le bambine, alcune di appena 7 anni, costituivano una grande percentuale della forza lavoro tessile. Nei bacini carboniferi antracite della Pennsylvania orientale, i ragazzi del demolitore (uomini tristi, grigi, vecchi, scrisse Mother Jones) trascorrevano la loro infanzia curvo sugli scivoli del carbone, raccogliendo ardesia dal carbone che cadeva a cascata.

Così Mary Harris Jones, ora senza figli, iniziò una carriera di 60 anni come madre di parto. Divenne un'organizzatrice per i Knights of Labor e poi per gli United Mine Workers of America. Ha organizzato sindacati di minatori in molti stati, ma le sue lotte più lunghe si sono svolte in West Virginia, dove le condizioni erano più deplorevoli. Ha partecipato ai grandi scioperi del XIX e dell'inizio del XX secolo, e ce ne sono stati molti. Condusse gli scioperi contro i baroni delle ferrovie, i confezionatori di carne, i magnati dell'acciaio, gli oligarchi tessili e, soprattutto, i baroni del carbone.

In particolare, nel 1903, Mother Jones guidò un piccolo esercito di bambini, molti mutilati da incidenti in fabbrica, a New York City. Il suo piano era quello di portare la parata nella residenza estiva del presidente Theodore Roosevelt a Oyster Bay, Long Island. Il presidente ha rifiutato di riceverli, ma la sua marcia ben pubblicizzata ha contribuito a sviluppare il sostegno popolare per le leggi nazionali sul lavoro minorile.

L'industria l'ha attaccata con ogni arma che possedeva. È stata denunciata come una creatura volgare e senza cuore che infiamma i lavoratori ignoranti a mordere la mano che li nutre. È stata sputata, presa a calci e bastonata. Aveva 86 anni quando fu incarcerata per l'ultima volta, eppure non smise di lavorare fino alla fine dei 90 anni.

jones_1_full_width.png
Mary Harris Mother Jones con Calivin Coolidge nel 1924; aveva sostenuto il candidato repubblicano Coolidge alla presidenza.

La più grande donna

Con il passare degli anni, molti pensavano che non sarebbe arrivata al suo centesimo compleanno nel 1930, ma quando il grande giorno è arrivato, si stava divertendo. Il 1 maggio, per coincidenza la Giornata internazionale dei lavoratori, la festa che onora i lavoratori di tutto il mondo, si è crogiolata felice tra persone, regali, fiori e telegrammi. Hanno onorato la donna che un governatore dell'Arizona aveva elogiato come senza dubbio la più grande donna che l'America abbia mai prodotto.

Mother Jones morì 6 mesi dopo e fu sepolta in un cimitero di proprietà del sindacato in una città mineraria dell'Illinois. Aveva combattuto innumerevoli battaglie e ne aveva perse la maggior parte, ma aveva comunque lasciato un'eredità che divenne la base del movimento operaio americano.

Sarah Josepha Hale: La madrina...

Sottaceti Perpetui

Vincitori del saggio Almanacco 2019...

Vincitori del saggio Almanacco 2017...

La storia della festa della mamma nel...

Cataloghi Heirloom e Pioneer...

La storia dimenticata del padre...

Cosa significano i nostri sogni?

Vincitori del saggio Almanacco 2018...

Festa del lavoro 2020

Lune Piene e Travaglio: Parto...

Il primo caso di artificiale...

Chi era Mother Jones? Questa insegnante e sarta americana ha vissuto alla giornata, ha perso il marito e la famiglia a causa di una malattia ed è emersa con feroce determinazione a combattere il lavoro minorile e le condizioni di lavoro non sicure. Alla fine della sua vita, è stata elogiata